google.com, pub-5268594712770720, DIRECT, f08c47fec0942fa0

lunedì 22 novembre 2021

Tortino di salmone e zucchine per Light & Tasty

                                      

Rieccoci con i nostri suggerimenti Light & Tasty: oggi è di scena il salmone! La mia proposta può essere un secondo o antipasto, fate voi, a base di verdure e salmone fresco. Facile, veloce e dal gusto molto piacevole.

Ingredienti per 4 persone: una fetta di salmone da 250/300 g, due zucchine, una manciata di pomodorini datterini, 2 uova, parmigiano grattugiato, un cucchiaio di pangrattato, erbe aromatiche, sale e pepe.


Tagliate a dadini la polpa del salmone.



Prendete due belle zucchine e tagliatele a julienne.


In una ciotola unite al salmone le zucchine, le uova, il parmigiano, il pangrattato e i pomodorini tagliati a pezzetti. Regolate di sale e pepate.


Aggiungete le erbette aromatiche che preferite: io ho messo il timo.


Mescolate bene il tutto.


Sistemate il composto negli stampini da muffins. Sulla superficie spolverate un velo leggero di pangrattato e infornate a 180° finchè si sarà asciugata la parte liquida (20/25 minuti circa).
Potete utilizzare come contorno dell'insalatina fresca o una base di crema di zucca e patate: buonissimi in entrambe le versioni!


 Il nostro Team propone:

mercoledì 17 novembre 2021

Crostata salata ricotta e funghi


Nel mio personale fantastico mondo delle torte salate, questa ha un posto di riguardo: un guscio croccante e gustoso di una pasta brisée al formaggio racchiude la vellutatezza della ricotta e il profumo dei funghi. Che dire? E' perfetta: come piatto unico, come antipasto, in un pic nic...fate voi!

Ingredienti per la pasta: 300 g di semola di grano duro, 50 g di strutto (se siete vegani sostituite on olio extra vergine d'oliva), 1 uovo, 50 g di caciocavallo grattugiato, 2 g di lievito di birra, acqua quanto basta se l'impasto fosse duro, sale, pepe nero.

Ingredienti per il ripieno: 400 g di ricotta vaccina, 1 uovo, 200 g di funghi misti trifolati in padella, 100 g di salsiccia fresca sbriciolata..


 

Dopo aver impastato la pasta brisée e fatta riposare almeno mezz'ora, stendetela con un mattarello. Ritagliate quindi un cerchio della misura della vostra teglia.


                                       

Con la pasta che vi avanza fate un cordoncino che fungerà da bordo.


                                       

Riempite con il ripieno e livellate. Infornate a 200° per 30/40 minuti. Sfornate e servite: calda è buonissima, tiepida è perfetta, fredda è deliziosa.







 

lunedì 15 novembre 2021

Risotto alla melagrana per Light & Tasty

                                      

Salve a tutti e bentrovati nel mondo di Light & Tasty. Oggi giochiamo facile: risotto! La mia proposta farà felici i vegetariani: molto semplice nella preparazione, questo risotto dal gusto delicato, può rappresentare un'idea originale per una cena dai sapori autunnali. Gli ingredienti sono davvero pochi:
350 g di riso carnaroli; 2 melagrane, 200 g di porri già sbollentati, brodo vegetale, vino bianco, parmigiano (per 4 persone).


Utilizzo il porro sbollentato perchè mi piace un gusto più delicato che non prevarichi la melagrana. Tagliuzzo con un coltello, finemente.


Faccio rosolare in una pentola con dell'olio d'oliva.


Faccio tostare il riso.


Faccio sfumare con un bicchiere di vino bianco o rosé.


Bagno con del brodo vegetale e proseguo con la cottura.


Intanto che il riso cuoce, spremo una melagrana con uno spremi agrumi fino ad ottenere mezzo bicchiere di succo (125 ml circa). Sgrano l'altra melagrana.


Un paio di minuti prima che la cottura sia ultimata aggiungo il succo di melagrana. Faccio mantecare con il parmigiano e servo decorando con i chicchi di melagrana.


Buon appetito!


Il nostro Team propone:

Milena: Risotto con radicchio di Treviso, zucca, robiola di capra e mandorle https://dolciepasticci.blogspot.com/2021/11/risotto-radicchio-zucca-robiola-di.html

mercoledì 10 novembre 2021

Crostata canestro alle mele cotogne


E' una semplicissima crostata ripiena di una purea di mele cotogne: le troviamo in questo periodo e sono buonissime. L'unica particolarità di questa torta è il coperchio realizzato con l'intreccio di pasta frolla bianca e al cacao.
Ingredienti: 300 g di farina 00, 150 g di zucchero, 150 g di burro, 2 uova, scorza grattugiata di limone, vaniglia, 50 g di cacao amaro, 400 g di purea di mele cotogne lessate zuccherata con 100 g di zucchero, cannella, 4/5 biscotti secchi.
Preparate la pasta frolla come al solito, ne prelevate un terzo alla quale aggiungerete il cacao. Mettete in frigo a riposare. Stendete le due frolle, ricavatene delle strisce di 1 cm di larghezza e cominciate a formare il vostro intreccio su un foglio di carta da forno. La superficie intrecciata dovrà essere poco più grande della tortiera che utilizzerete. Con la restante frolla foderate la tortiera.

                                       

Sopra la base di frolla sbriciolate i biscotti (questo servirà ad assorbire l'umidità della purea).

                                        

                                        

Aromatizzate la passata di cotogne con vaniglia, zucchero, scorza di limone e versatela nel guscio di frolla.

Servitevi della carta da forno per ricoprire il guscio di frolla con l'intreccio e pareggiate i bordi. Con la frolla avanzata potete realizzare dei decori a vostro piacere oppure dei biscottini (ricordate che non si butta mai niente). Infornate a 180° per 30 minuti.



Non è bellissima? Se volete, potete completarla con zucchero a velo: per me va benissimo così!










 

lunedì 8 novembre 2021

Carpaccio di zucca per Light & Tasty

                                    

Benvenuti a Light & Tasty: oggi è la volta della regina d'autunno, la zucca! Infinite sono le possibilità di gustare questo meraviglioso ortaggio. Vi propongo  un antipasto leggero, sfizioso e assolutamente vegetariano.  Avete mai provato a gustare la zucca a crudo? Per rispondere a questo quesito, assaggiate con me questo gustosissimo piatto!

Ingredienti: zucca gialla bella soda (quantità in base ai commensali o al vostro appetito), olio extravergine d'oliva, aceto bianco, erba cipollina, erbette aromatiche, sale aromatizzato, pepe nero, peperoncino, chicchi di melagrana.






Affettate sottilmente la zucca con la mandolina o con un coltello di ceramica. Fate marinare con aceto, sale, pepe e tutte le erbette che amate; lasciate ad insaporire per almeno un paio d'ore. Sgocciolate per bene, sistemate nel piatto e irrorate con l'olio extravergine d'oliva, aggiungete il peperoncino e decorate con i chicchi di melagrana. Non è uno spettacolo? Più leggero di così!



Il Team propone:



venerdì 5 novembre 2021

"Buccatedda" di spaghetti e cavolfiore: la tradizione nel piatto

                                      

Oggi vi racconterò di un piatto che da sempre mio papà mi descrive come qualcosa di assolutamente delizioso, rimasto impresso nella sua memoria, dai tempi della sua infanzia. Per poter comprendere come mai rappresentasse per lui, bambino, una assoluta leccornia, dobbiamo calarci nelle condizioni di vita delle famiglie contadine nel dopoguerra. Non starò a raccontarvi dei sacrifici di un lavoro già di per sè molto duro, svolto sottomessi ad un padrone, il cui operato rasentava spesso un trattamento da schiavi; piuttosto vi descriverò quello che era per quelle famiglie il paniere alimentare: legumi (nella mia provincia, soprattutto fave), pane, qualche verdura spontanea o per chi aveva la possibilità di un angolo di terra, qualche ortaggio, carne di animali da cortile (solo nelle feste comandate), latte e formaggi erano appannaggio dei pastori. Stop. Zuppa di fave a colazione, a pranzo e a cena. Sembra lontano dal nostro modo di vivere, ma era proprio così. Immaginate quindi cosa doveva essere uno scrigno di pasta croccante, ripieno di spaghetti al sugo di carne, insieme a cavolfiori e mollica tostata! Pantagruelico! Purtroppo questo miracolo in cucina avveniva solo durante le festività natalizie e perciò lo si sognava per un anno intero!
Vediamo cosa ci occorre: per l'impasto 500 g di semola di grano duro rimacinata, sale, 200/250 g di acqua, un cucchiaio di olio, 4/5 g di lievito di birra.
Per il ripieno: cavolfiore scottato in acqua bollente, pane grattugiato tostato, spaghetti cotti molto al dente, sugo di carne (preferibilmente maiale), olio extravergine d'oliva, peperoncino.

Preparato l'impato, fatelo riposare una mezz'oretta, quindi stendetelo con il mattarello fino a raggiungere uno spessore di 4/5 mm.

Fate un leggero strato di pangrattato su metà della sfoglia

Sistemate gli spaghetti conditi generosamente con il sugo.


Ora fate un altro strato di cavolfiori salati e pepati.


Un altro strato ancora di pezzetti della carne con cui avete preparato il sugo.


E per ultimo, un altro strato di spaghetti e una spolverata di pangrattato. Olio extravergine in quantità generosa e ci apprestiamo a chiudere quello che in dialetto chiamiamo "buccatedda".


Sigilliamo bene i bordi con il tradizionale "milu".



Mettiamo su una teglia, oliamo la superficie e inforniamo a 200° per 30/40 minuti.


Buon appetito! Mi direte poi, se mio papà non aveva ragione!