google.com, pub-5268594712770720, DIRECT, f08c47fec0942fa0

lunedì 6 aprile 2020

Colomba con l'uovo per Light & Tasty


Guarda caso siamo nella settimana che precede la Pasqua, siamo al nostro consueto appuntamento di Light & Tasty, ma non posso esimermi dal non pensare alla festa che arriva. Sarà una Pasqua diversa da tutte le altre vissute, ma non per questo dobbiamo dimenticare le tradizioni che caratterizzano la nostra cultura. Nel caso di questa ricetta le due cose possono stare insieme benissimo, perchè vi racconterò di una preparazione che si faceva per Pasqua per i bambini in Sicilia: la colombina con l'uovo, sempliucissima pasta di pane accoppiata con un uovo sodo, niente di più leggero! Da quando ho memoria, non ricordo una Pasqua senza: anzi per la verità, malgrado venisse preparata prima, la si consumava il lunedì dell'Angelo, durante la classica scampagnata con amici e parenti. La mia è una famiglia molto numerosa (i fratelli di mio padre erano 8 e quelli di mia mamma 5) per cui potete immaginare le baraonde di noi piccoli quando, in questa occasione, ci si ritrovava insieme. Ci si confrontava le colombe o le borsette (per le femminucce): a chi era venuta bruciata, a chi con la testa storta, a chi gli si era rotta la coda,  chi ce l'aveva con due uova e chi con uno, ecc...
Oggi la tradizione resiste solo perchè le nonne, siciliane e orgogliose delle tradizioni, non vogliono farsi sconfiggere dal consumismo e dalla globalizzazione: perciò ci saranno pure le uova di cioccolato, gli easter-bunny, ma "a palummedda" non può mancare!
Gli ingredienti, come dicevo prima,  sono semplicissimi: pasta di pane, uova e un po' di manualità.
Ingredienti per la pasta: 500 g semola di grano duro, 200 ml di acqua, sale, un pizzico di lievito di birra. L'impasto dovrà risultare morbido ma non molle, della consistenza della pasta fatta in casa, per intenderci. 







Stendere la pasta in una sfoglia di mezzo centimetro circa, ritagliare la sagoma di una colomba, sistemarvi l'uovo crudo al centro e fissarlo con strisce di pasta; spennellare con uovo sbattuto; per gli occhietti si possono usare chiodi di garofano o grani di pepe o quello che riuscite a reperire. Per le decorazioni usate delle forbicine o qualsiasi oggetto la vostra fantasia vi suggerisca: io per la borsetta ho usato una bocchetta del sac à poche. Infornare a 200° e far cuocere per mezz'ora.


Questa è la forma classica.


Questa invece è quella riservata in genere alle femminucce.


Queste invece sono altre interpretazioni:





E adesso non mi resta che augurarvi Buona Pasqua nella speranza che #tuttoandràbene!

Eccovi di seguito le altre proposte del team:

Daniela: Millefoglie di riso venere con uova e spinaci https://maninpastaqb.blogspot.com/2020/04/millefoglie-di-riso-venere-con-uova-e.html
-----------------------------------------------------------------------------------------------------

venerdì 3 aprile 2020

Bignè craquelin



In tempi di quarantena è difficile che la domenica arrivi sulle nostre tavole il vassoio dei pasticcini, a meno che la vostra pasticceria di fiducia faccia consegne a domicilio, e la cosa non è tanto probabile. E allora? Beh, ce li facciamo in casa e dato che non vogliamo essere minimalisti, li faremo con un tocco gourmet. Prepareremo i bignè craquelin. Non è per niente difficile, basta seguire passo passo le istruzioni.
Prepariamo prima di tutto il craquelin che ci servirà per decorare i bignè:  serviranno 80 g di zucchero, 80 g di farina 00, 60 g di burro.

                                      



Impastare velocemente gli ingredienti, quindi suddivideteli in 4 porzioni: ad ognuna aggiungerete un pizzico di coloranti per alimenti; potete utilizzare il craquelin anche al naturale se volete. Avvolgete gli impasti in carta da forno e mettete in frigo.
Ingredienti per la pasta choux: 185 g di acqua, 165 g di burro, 175 g di farina 00, 25 g di latte intero fresco, 270 g di uova intere, 1 pizzico di sale.
Mettete in una pentola l’acqua, il latte e il burro; quando starà per raggiungere l’ebollizione, versate in un sol colpo la farina, continuando a mescolare. Quando l’impasto sfrigolerà e tenderà a staccarsi dalle pareti della pentola, toglietelo dal fuoco. Fate raffreddare un pochino e mettete l’impasto in planetaria (oppure va benissimo anche una frusta elettrica).Incorporate le uova poco a poco fino a quando l’impasto non le avrà ben assorbito. Mettete l’impasto in un sac à poche.



Formate su una placca da forno i bignè; un consiglio che si è rivelato risolutore per la buona riuscita dei bignè: non dovete imburrare assolutamente la teglia. Io ho usato una teglia microforata che è ancora più adatta.


Ora riprendete dal frigo il craquelin, appiattitelo con il mattarello sempre tra due fogli di carta da forno, in modo che non si attacchi; ritagliate dei dischetti della stessa grandezza dei bignè. Posizionate il dischetto sopra ogni bignè.


Infornare a 200° per i primi 10 minuti e proseguire a 180° per altri 15. Spegnere il forno e lasciare i bignè dentro lasciando il forno socchiuso in modo che possa fuoriuscire tutta l'umidità.



Eccoli pronti: perfettamente vuoti all'interno e con questa bella crosticina croccante e colorata all'esterno. Ora non vi resta che farcirli con la vostra crema preferita: pasticcera, panna, mascarpone, ..., tagliateli a metà, riempiteli e riposizionate la calottina sopra. Vi consiglio di farcirli poco prima di gustarli, perchè il craquelin teme l'umidità, quindi se sta troppo nel frigo perde la sua croccantezza.


E ricordiamoci che andrà tutto bene!







lunedì 30 marzo 2020

Risotto giallo in verza per Light & Tasty

 


Buon lunedì a tutti: oggi il tema della nostra rubrica è il riso. Riesce sempre più difficile parlare di ricette o sperimentarle, malgrado si abbia molto più tempo disponibile; viene a mancare quel non so che, quella leggerezza che stentiamo a trovare in questa lunga permanenza nelle nostre case. In ogni caso, continuare a fare le cose che prima ci entusiasmavano forse è la chiave di volta per superare questo brutto momento.
Voglio proporre un risotto delicato ed elegante ma nello stesso tempo leggero.  Potremo accontentare anche i nostri amici vegetariani o vegani (omettendo il formaggio).


Gli ingredienti (per 4 persone): 
400 g di zucca,  4 foglie di verza, pomodorini secchi, semi di zucca e mandorle pelate, zafferano in pistilli, 100 g di pecorino, una cipolla piccola, 320 g di riso Carnaroli, un bicchiere di vino bianco, olio extravergine d'oliva, brodo vegetale, timo, sale e pepe.
Fate soffriggere la zucca e la cipolla in una padella. Coprite con il coperchio fino a che sia diventata morbida. Aggiungete qualche pomodorino secco. Frullate il tutto per ottenere una crema omogenea.


Intanto sbollentate le foglie di verza per due minuti per ammorbidirle un po'.


Toglietele dalla pentola passatele in acqua ghiacciata e fatele asciugare su un canovaccio.


Fate tostare il riso in olio extravergine d'oliva, quindi fate sfumare un bicchiere di vino bianco e completate con del brodo vegetale. A metà cottura aggiungete la purea di zucca, i pistilli di zafferano  e ultimate.


Prima di servire aggiungete i dadini di pecorino  e delle foglioline di timo.


Durante la cottura del risotto avrete fatto tostare le mandorle e i semi di zucca in forno.


Utilizzate le foglie di verza come contenitore e completate il risotto con i semi tostati. Provatelo!


Ed ecco le altre gustose proposte delle amiche di Lighy & Tasty:

venerdì 27 marzo 2020

Torta di compleanno ai tempi del Corona-virus


E' capitato a molti bambini di dover festeggiare il compleanno in un modo molto diverso dal solito: niente feste con tanti amici, niente animazione, magari niente torta speciale perchè magari dove abitiamo le pasticcerie sono chiuse o non fanno consegne a domicilio. E allora che si fa? Un bambino non può essere deluso, ad ogni costo, specialmente se sognava una torta particolare.
Voglio proporvi quindi i miei tentativi per non deludere un bambino che desiderava una torta che richiamasse la sua squadra del cuore: nel nostro caso è la Juve, ma con lo stesso procedimento, magari usando colori diversi, potrete realizzare quello che volete.
Partiamo dalle basi:
pan di spagna: l'ho spiegato tante volte, quindi inserisco il link clicca qui
crema pasticcera: 1 l di latte, mezzo baccello di vaniglia, 4 tuorli, 250 g di zucchero, 100 g di maizena, una scorza di limone. Fate addensare e poi raffreddare.
Pasta di zucchero: 500 g di zucchero a velo, 60 g di miele, 6 g di gelatina in fogli, 30 g di acqua. Mettete lo zucchero in un robot da cucina.
Fate ammorbidire la gelatina nell'acqua indicata, fate sciogliere il miele in un pentolino quindi unite la gelatina con l'acqua. Appena si sarà sciolta, versate subito nel robot e azionate l'apparecchio. Non appena si formerà una palla soda, spegnete. mettete la pasta di zucchero su un tagliere e coloratela secondo i vostri progetti. io ne ho preso un pezzetto e l'ho colorata con il nero in polvere, l'altra mi servirà bianca. Spolverizzate di tanto in tanto con zucchero a velo se vedrete che tenderà ad attaccarsi. La pasta che dovesse avanzarvi è perfettamente conservabile: basta metterla in un sacchetto per alimenti, ma non in frigo. Quando la dovrete uilizzare, anche se in un primo momento vi sembrerà dura, basterà maneggiarla un pochino perchè ritorni malleabile. 




Per realizzare le decorazioni, ho steso con un mattarello la parte che avevo colorato di nero e ho ritagliato servendomi di un coltellino e di uno stampino; naturalmente il disegno dello stemma l'ho scaricato al computer e stampato.



Veniamo adesso al montaggio della torta: un desiderio era quello di una farcirtura alla Nutella, ma siccome non tutti la amano, ho voluto salvare capra e cavoli. Ho ritagliato dal pan di spagna un cerchio più piccolo e l'ho farcito con la crema alla nocciola; invece la corona circolare l'ho farcita con la crema pasticcera e l'ho decorata con panna montata, granella di pistacchio e scritta con cioccolato fuso. Questa è la parte di torta più gradita agli adulti.




La parte centrale, tagliata in strati e farcita, come dicevo con la Nutella, l'ho ricoperta con la pasta di zucchero bianca che avevo tirato con il mattarello. La faccio aderire bene alla torta, aiutandomi con le mani e ritaglio quella eccedente. Faccio aderire le decorazioni con una goccia d'acqua, poi posiziono la torta piccola al centro di quella grande, mettendo sotto una tazza per sollevarla (piccolo trucco perchè possa sembrare a piani, in realtà sono solo incastrate l'una all'altra). Una candelina sopra e il nostro bambino avrà la sua torta di compleanno tanto desiderata, alla faccia del corona virus!



martedì 24 marzo 2020

Tortine primavera e andrà tutto bene



Ho visto come sia stato bene accolto il mio post sui bau biscotti: chi ha bambini ha trovato la ricetta facile e nello stesso tempo coinvolgente, per far impegnare i piccoli di casa in qualcosa che non sia solo didattica a distanza (ve lo dico da insegnante e quindi conosco bene le difficoltà emerse in questi giorni così difficili). So anche che molti bambini hanno dovuto festeggiare il loro compleanno in una modalità completamente diversa dal solito e che magari qualche mamma, non proprio esperta di pasticceria, si è trovata in difficoltà nel preparare qualche dolcetto che desse un segnale di festa.
Spero quindi che queste mini-cheesecakes  riescano a portare gioia al vostro cuore, alle vostre papille e ai vostri bambini.  Coinvolgeteli nella preparazione e soprattutto nella decorazione (ho pensato appunto a decori semplici come quelli che facciamo a scuola con i bambini più piccoli).
Ho preparato in casa la pasta di zucchero per le decorazioni (che ho realizzato il giorno prima per farle asciugare), in ogni caso potete comprarla già pronta.


Ingredienti per la pdz: 250 g di zucchero a velo, 15 g di glucosio (oppure miele), 1\2 albume, coloranti alimentari. 
Si lavorano gli ingredienti con un robot da cucina (tranne i coloranti in polvere che verranno aggiunti alla pasta bianca in base alle vostre necessità); si conserva poi la pasta avvolta nella pellicola e si lavora usando lo zucchero a velo per non farla attaccare al piano di lavoro. Come potete vedere in foto, per i fiorellini basterà formare tante palline e assemblarle, per le foglie, se non avete lo stampino, usate una sagoma in cartoncino e le riproducete: i bambini saranno bravissimi!

                                      

                                      

Per la base delle tortine sbriciolare 300 g di biscotti frollini e compattarli con 120 di burro fuso; formare uno strato di un centimetro dentro i pirottini rivestiti di pellicola (questo vi renderà più facile l'estrazione); mettete in frigo a rassodare.





 Per la crema: 250 ml di panna, una confezione di Philadelphia, due cucchiai di zucchero, 8 g di colla di pesce, 4 cucchiai di marmellata di rose (o fragole o mirtilli), 2 cucchiai di pistacchi tritati.
Fate sciogliere in due cucchiai di panna tiepida i fogli di gelatina, montate la panna restante e aggiungete il formaggio; incorporate lo zucchero e la gelatina sciolta. Dividete la crema in due parti: insaporite l'una con la vostra marmellata preferita, l'altra con il pistacchio. Versate nei pirottini e fate rassodare in frigo per un paio d'ore. Fate delle decorazioni con il cioccolato fuso oppure in scaglie, quindi sistemate i fiori in pasta di zucchero a vostro gusto: arriverà la primavera sulla vostra tavola!